Defecografia

 
 

La defecografia, detta anche radiografia dinamica del retto, proctogramma dinamico o rettografia, permette lo studio del comportamento del retto durante gli sforzi relativi alla defecazione o alla ritenzione e trova pertanto indicazione per l'iter diagnostico dei pazienti con disturbi dell'evacuazione quali stipsi, defecazione ostruita, prolasso rettale, sindrome dell'ulcera solitaria del retto, perineo discendente, incontinenza rettale, rettocele, sequele di interventi chirurgici.

 

Lo studio defecografico non è comunque l'equivalente dell'atto defecatorio.

 

Esso infatti documenta e registra l'espulsione del contenuto rettale ottenuto parzialmente in modo naturale (materiale fecale), parzialmente in maniera artificiale (iniezione retrograda di m.d.c.) e pertanto solo una parte delle strutture coinvolte nell'atto defecatorio vengono prese in esame.

 

COME AVVIENE L'ESAME?

 

Per l'esecuzione dell'esame si procede in questo modo: non viene richiesta al paziente alcuna preparazione di pulizia intestinale in modo che la presenza di residui fecali nell'ampolla contribuisca a fornire informazioni fisiologiche e sia di ulteriore stimolo all'evacuazione.

 

Per un esame defecografico che voglia visualizzare il retto e l'ano vengono introdotti 200 ml di solfato di bario (BaSO4) con l'aiuto di una sonda rettale atraumatica e l'utilizzo di una siringa monouso.

 

In questa fase iniziale possono essere eseguiti dei radiogrammi con paziente posto in decubito laterale sinistro per lo studio morfologico del retto se ne esiste l'indicazione.

 

Un megaretto è infatti subito riconosciuto per l'abnorme distesione e compliance registrata.

 

Successivamente il paziente viene posto a sedere su un supporto radiotrasparente e vengono eseguiti dei radiogrammi in successione e con il paziente in diverse posizioni: in piedi, seduto, coricato, in decubito laterale sinistro, ma soprattutto a riposo e durante gli sforzi defecatori.

 

Se si vuole eseguire una colpodefecografia, in cui si visualizzano contemporaneamente retto e vagina nei reciproci rapporti dinamici, vengono iniettati contemporaneamente 20 ml di BaSO4 nella vagina stessa.

 

È possibile estendere l'esame defecografico anche ai pazienti operati con introduzione però di 100 ml di materiale idrosolubile.

 

Torna a


 


 


Richiedi una visita

Seleziona la sede più vicina a te

© 2012 - Dr. Luca Passarella P.Iva 02628790277 | Privacy | Mappa | Credits