Complicanze del trattamento chirurgico dell'ascesso e fistola anale

 

Relativamente agli interventi per ascesso e fistola anale le possibili complicanze sono rappresentate nell’immediato decorso post-operatorio dalla ritenzione urinaria, che può richiedere l’applicazione di un catetere vescicale, e da gradi più o meno rilevanti di incontinenza fecale che tuttavia tende a ridursi significativamente nel corso del tempo con opportune terapie mediche e riabilitative.

In alcuni casi, dopo intervento per fistole particolarmente complesse o recidive, sintomi di incontinenza fecale possono permanere nel lungo termine.

Tuttavia solo occasionalmente è necessario ricorrere ad interventi correttivi.

Da segnalare che le difficoltà di reperire gli orifizi fistolosi interni ed esterni, soprattutto nelle fistole già recidive, o di identificare correttamente i rapporti fra i tramiti fistolosi e gli sfinteri nelle fistole complesse sono verosimilmente alla base delle non infrequenti recidive.

 

Torna a  


 

" Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista. "


Richiedi una visita

Seleziona la sede più vicina a te

© 2012 - Dr. Luca Passarella P.Iva 02628790277 | Privacy | Mappa | Credits