Sintomi della fistola anale

Attenzione!

" Le informazioni presenti in questa pagina non sostituiscono
in alcun modo un consulto medico specialistico "

 

Il quadro clinico è caratterizzato frequentemente da una costante secrezione di materiale purulento dall’orifizio primario (interno all'ano) o secondario (vicino all'ano) che determina uno stato di irritazione della regione perineale.

Spesso non è presente dolore e raramente compare febbre.

Il paziente si reca dal Medico Curante per il disagio legato alla secrezione dal tramite fistoloso che rende difficoltosa un’accurata pulizia della regione anale.

Può svilupparsi una dermatite irritativa che determina un importante prurito della regione perineale.

La fistola anale cronica può perdurare nel tempo o andare incontro a un processo di riacutizzazione: la chiusura dell’orifizio secondario o la sovra-infezione del tramite fistoloso porta a un quadro di infiammazione locale, spesso caratterizzata da dolore ano/perineale e da febbre: l’evoluzione è la formazione di una nuova raccolta ascessuale che può uscire spontaneamente attraverso il tramite già presente o può creare ulteriori tramiti fistolosi (fistola anale complessa).

 

Torna a


 


Richiedi una visita

Seleziona la sede più vicina a te

© 2012 - Dr. Luca Passarella P.Iva 02628790277 | Privacy | Mappa | Credits