Trattamento del tumore anale

 

Il trattamento del cancro anale è medico (oncologico) e chirurgico.

Il cancro anale è stato il primo tumore a slittare dal trattamento chirurgico a quello medico con risultati altrettanto efficaci e spesso migliori.

La radioterapia è attualmente, assieme alla chemioterapia, la terapia di scelta di queste neoplasie.

Il trattamento chirurgico ha come obiettivo quello di asportare la neoplasia primitiva e le eventuali localizzazioni linfonodali e a distanza.

Si utilizza pertanto in neoplasie del margine anale o della parte bassa, di diametro inferiore ai 2 cm e quando è ben differenziato.

L'asportazione del tumore deve sempre essere allargata alla mucosa e cute adiacente sana.

Altre indicazioni alla chirurgia sono l'asportazione di lesioni residue dopo radio e chemioterapia e il trattamento delle complicanze (incontinenza, fistole, stenosi).

L'esame istologico deve comunque essere fatto sempre per ogni lesione, anche non sospetta.

 

Vedi anche  
 

 

" Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie ├Ę sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista. "


Richiedi una visita

Seleziona la sede più vicina a te

© 2012 - Dr. Luca Passarella P.Iva 02628790277 | Privacy | Mappa | Credits